FRANTOI APERTI NELLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI XIII° EDIZIONE

By / 12th dicembre, 2014 / Cosa Visitare / Off

La Strada dell’Olio Extravergine Castel del Monte, con il sostegno del Gal Le Città di Castel del Monte, presenta la XIII^ edizione di “FRANTOI APERTI”. La manifestazione, che si terrà domenica 14 dicembre, vedrà l’apertura straordinaria dei frantoi e delle aziende agricole aderenti all’iniziativa finalizzata alla visita e conoscenza delle fasi di lavorazione e trasformazione della tipica cultivar dal gusto piccante, cosiddetta coratina, in extravergine.
Durante tutta la giornata sarà possibile visitare gli impianti di lavorazione e produzione del nostro Oro Verde e degustarlo da solo o in abbinamento ad altri prodotti tipici del territorio.
Per il terzo anno consecutivo inoltre, in collaborazione con l’associazione ArtTurism di Andria, è stato organizzato un tour ad hoc, con partenza da Bari, che porterà amanti, curiosi e gastronauti alla scoperta dei tesori elaio-gastronomici e culturali presenti nei territori della Strada dell’Olio, oltre che un percorso guidato del centro storico di Bisceglie con visita alla mostra su Federico Fellini e Nino Rota allestita all’interno del Museo Diocesano della città.
“Nonostante la scarsità di produzione di questa annata, gli agricoltori ed i frantoi hanno scelto di portare comunque avanti questa manifestazione giunta alla sua XIII^ edizione poiché importante ed efficace per la valorizzazione dell’extravergine” ha dichiarato il Presidente della Strada dell’Olio Castel del Monte, Nunzio Liso.

Il B&B barletta Acasamia è lieta di ospitare tutti coloro che fossero interessati all’iniziativa.

Per informazioni in merito alla manifestazione è possibile contattare i seguenti recapiti telefonici 347/4889858 o 392/6948919 oppure inviare una mail all’indirizzo info@stradaoliocasteldelmonte.it

Le aziende aderenti a questa edizione di Frantoi Aperti sono:

Andria

Azienda agricola Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli – c.da Zagaria

Azienda Agricola Liso – V. Poli 62/66

Coop. Olivicoltori Andriesi Covan – V. Castel del Monte, 76

Azienda Agricola Terre di Traiano – c.da Torre di Bocca, S.P. 22 – KM 13+200

Oleificio Coop. Riforma Fondiaria I Tre Campanili – V. M. Galliano, 76

 

 

Trani

Azienda Agricola Oro di Trani – km. 2.000 SP Trani-Andria

Bisceglie

Frantoio Oleario Galantino – V. Vecchia Corato, 2

Oleificio Coop. Agricola Dolmen – V. U. La Malfa, 5

Corato

Coop. Lavorazione Prodotti Agricoli Terra Majorum – V. Castel del Monte, 184

PROVINCIA BAT “BARLETTA-ANDRIA-TRANI” CITTA’ DELLA BURRATA

By / 24th novembre, 2014 / Piatti Tipici Pugliesi / Off

In Puglia, a 60 km da Bari, nella Murgia Pugliese, sorge la Provincia di Barletta-Andria-Trani, conosciuta per lo spettacolare e imponente Castel del Monte divenuto patrimonio dell’Unesco, La Cattedrale di Trani, Il Castello di Barletta, la Pinacoteca del

foto burrata

Denittis, Canne della Battaglia, Le saline di Margherita di Savoia, La Disfida di Barletta, Il vino Nero di Troia, le orecchiette con le cime di rapa, l’olio extravergine di oliva, i taralli scaldati, focaccia, per le strutture ricettive, per i B&B a barletta, per il meraviglioso bed and breakfast acasamia di barletta, gli hotel , gli alberghi, le pensioni, ma anche per il bianco del latte dal quale si producono le squisitezze e genuinità tipiche della Puglia. La lavorazione del latte è molto antica infatti, avveniva già nel periodo neolitico. La burrata è un tipico formaggio fresco di origini andriesi e sembra sia stato ideato da maestri casari per necessità agli inizi del 1900 a causa di una forte nevicata che bloccò i pastori. I casari, pensarono quindi di sopperire a questa necessità, racchiudendo in un involucro di sfoglia filata, degli avanzi di produzione di mozzarella anch’essi di pasta filata mescolati con panna di latte chiudendo il tutto con fili di vizzo, un’erba aromatica locale.

La burrata, si presenta con una forma  sferica di diametro compreso tra i 7 e i 10 centimetri, con una superficie liscia di colore bianco lucente e con un nastro di raffia per alimenti di colore verde nella parte superiore per ricordare il vizzo. Oggi, all’interno delle aziende agricole generalmente a conduzione familiare, i maestri casari si sono notevolmente evoluti, conservando però le antiche tradizioni.

La preparazione della burrata, avviene manualmente prima con la farcitura della crema di siero e pezzi di pasta filata. La farcitura è chiamata “stracciatella”, proprio perché i pezzi di pasta vengono stracciati a mano, e viene successivamente racchiusa in un involucro detto “sacchetto” anch’esso formato da pasta filata. Il sacchetto, una volta riempito con la pasta filata amalgamata con crema di siero, viene poi chiuso con un nastrino. La burrata ha un sapore dolce e burroso e viene definita una vera eccellenza italiana perché è un formaggio molto gustoso, creato solo artigianalmente da maestri casari.

Organizzare un viaggio in Puglia con la possibilità di soggiornare nei bed and breakfast della Provincia Barletta Andria Trani, sarebbe un’ottima occasione per visitare la Puglia Imperiale. Nella Provincia di Barletta-Andria-Trani, avrai la possibilità di visitare i maestosi ed imponenti castelli di Federico II, le cattedrali, i musei, le spiagge, le saline di Margherita di Savoia, ecc. e potrai assaporare tutte le specialità enogastronomiche pugliesi, che il territorio offre.

Il B&B Barletta Acasamia, è ubicato nel bel mezzo della 6° Provincia Pugliese, a pochi passi dalle principali strade statali, provinciali e autostrade.

PUGLIA META DI TURISMO SIN DAL MEDIO EVO

By / 17th novembre, 2014 / B & B Barletta P&B Acasamia, Cosa Visitare / Off

puglia meta di turismo sin dal medioevoSin dal Medio Evo, la Puglia era meta di attraversamento degli europei per recarsi a Gerusalemme.

Le città costiere pugliesi con i loro porti, principalmente il Porto di Brindisi, furono utilizzati per alcuni secoli come imbarco verso la Terrasanta e come collegamento tra i due continenti.  Questo transito, fece vivere alla Puglia momenti molto fiorenti, in quanto, durante l’attraversamento, molti mercanti barattavano le loro merci.  La Via Francigena era una sorta di “asse attrezzato” che attraversa il nostro continente e molti pellegrini percorrevano la via del sud, diretti alla grotta dell’arcangelo Michele, sul Gargano in provincia di Foggia.

I pellegrini che viaggiavano lungo la Via Francigena avevano mete diverse, ma tutti  volevano arrivare al  “pasagiumultramarinum”, il percorso in parte terrestre e in parte marittimo, che conduceva in Terra Santa, a Gerusalemme.

Chi decideva di incamminarsi verso i porti del sud della Puglia, doveva attraversarla per intero, ed erano costretti a visitare numerose città tra cui: Barletta, Canosa, Bari Lucera Manfredonia, Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Siponto, Troia, Egnazia, Brindisi Otranto, “finis italiae” ecc. Durante il percorso, molti erano i monumenti  indimenticabili che i viaggiatori potevano ammirare lungo il cammino di queste città.

Ancora oggi la Puglia è meta ambita da milioni di turisti, provenienti da tutto il mondo, grazie agli oltre 800 km di costa, alle meravigliose città d’arte, ai monumenti, alla storia, all’enogastronomia, ai prodotti tipici regionali, alle specialità culinarie, al benessere Termale, al Turismo Religioso ma principalmente, dall’accoglienza che i pugliesi hanno nei confronti dei turisti.

La Puglia, negli ultimi anni, è una delle prime regioni italiane con maggiore sviluppo turistico balneare e religioso,lungo la costa si alternano tratti rocciosi, falesie e litorali sabbiosi, queste caratteristiche permettono a famiglie, giovani, anziani, singol, di scegliere la vacanza ideale alle proprie esigenze.

Tale sviluppo turistico, ha portato molti abitanti pugliesi in cerca di lavoro, a dover  escogitare soluzioni, per poter  soddisfare le molteplici esigenze e necessità dei turisti, sfruttando le proprie risorse. Infatti,  hanno trasformato le proprie strutture in vere e proprie location per turisti, dando vita a: bed and breakfast,  b&b lussuosamente attrezzati e completi di ogni comfort, lussuose masserie ricettive/didattiche, tenute, aziende agricole familiari didattiche/dimostrative, valorizzando così:  i prodotti tipici artigianali ed enogastronomici, i  lidi, i campeggi, le attività di fittacamere e le locazioni di appartamenti ad uso turistico.

Se al mare vuoi andare nei bed and breakfast a Barletta devi soggiornare. Se bene vuoi mangiare la Puglia devi visitare. Se ricordi vuoi avere vino e olio devi bere. B&B Barletta Acasamia Pleasur and Breakfast

LA STORIA DEL BED AND BREAKFAST E IL MOTIVO DEL SUO SUCCESSO

By / 14th novembre, 2014 / B & B Barletta P&B Acasamia / Off

balconataLa sistemazione in Bed and Breakfast non è certo nuova!

L’idea del b&b è molto antica infatti i monasteri, offrivano ai viaggiatori un letto e la colazione.

Prima del XX secolo, chi viaggiava, era solito trovare un posto per dormire in case private e l’acronimo B&B che proviene dall’Inghilterra, si trovava solitamente sui segnali stradali.

Durante il periodo della Grande Depressione, molte famiglie misero le proprie abitazioni a disposizione dei viaggiatori per poter aumentare le entrate al proprio nucleo familiare. In quel periodo il termine utilizzato era “boarding house” (to board=essere a pensione). Finita la depressione, questo tipo di soggiorno andò man mano scomparendo, perché si pensava che fosse indicato per le persone a basso reddito o per vagabondi. Negli anni 50 ci fu una leggera ripresa per questo settore e iniziarono a sorgere le case turistiche o  “tourist home”, strutture molto simili agli attuali bed and breakfast. A causa della costruzione dei motel sulle nuove autostrade, le case turistiche furono presto dimenticate.

In genere, ancora oggi, i b&b sono case private in cui viene offerto all’ospite il pernottamento e la prima colazione. In alcuni casi, il bagno può essere in comune con la  famiglia che vi risiede o con altri ospiti.

Esistono delle strutture chiamate Fitta camere o Bed & Breakfast, che offrono gli stessi servizi: pernottamento e prima colazione.  La differenza sta nel fatto che il B&B ha un numero di camere e posti letto più limitati e può essere gestito a livello familiare, mentre i fitta camere hanno un numero di camere più elevato e la gestione deve essere obbligatoriamente in forma imprenditoriale.

La caratteristica principale dei B&B è “l’originalità”, perchè è difficile riuscire a trovare due bed and breakfast uguali, in quanto solitamente l’attività viene svolta e gestita dai proprietari stessi, nelle loro abitazioni.anice_frontale_a

Un altro fattore accattivante per chi soggiorna nei b&b Barletta è quello di non poter stabilire a priori, l’identikit di chi lo gestisce. E’ un’attività  che può essere svolta da: professionisti , operai, artisti, artigiani, agenti assicurativi, ecc. ecc., sono coinvolte singole persone, coppie e famiglie.

Tutti i gestori di bed and breakfast di successo hanno un elemento in comune: amano intrattenere gli ospiti nella propria casa, condividere esperienze di vita, hanno particolari capacità che usano per soddisfare i propri clienti.

Coloro che decidono di aprire un b & b devono avere delle caratteristiche particolari: devono avere il  piacere di parlare con la gente e devono essere in grado di trattare con ogni tipo di persona. Bisogna anche essere disposti a sacrificare parte del proprio tempo e della  propria vita visto che  gli ospiti vivono anche se per un breve periodo, in casa propria. Questo è il segreto del successo!

L’apertura dei Bed and Breakfast si è diffusa, anche negli Stati Uniti d’America,  infatti, studi e ricerche confermano che ormai, anche gli americani sono stanchi di vedere mega strutture ricettive/hotel che sembrano essere tutte uguali  e proprio la diversità dei b&b sta dando origine a questo  grande successo.

Negli ultimi anni, la nascita esponenziale dei bed and breakfast nella città di Barletta e l’aumento della pubblicità degli stessi  b&b, sono state alcune delle ragioni per le quali, i turisti hanno deciso di visitare la città.

I turisti che visitano la Puglia Imperiale, in particolar modo la provincia di Barletta Andria Trani, sono attratti dagli aspetti  culturali, storici, artistici, ricreativi, dalle tradizioni, dal mare e dall’enogastronomia, mentre coloro che viaggiano per lavoro, cercano un’alternativa ai tipici motel, hotel, alberghi, in quanto i bed and breakfast offrono al viaggiatore un’esperienza di alloggio diversa da quella tradizionale.

Il motivo principale, per il quale Francesco Damico e la sua Famiglia hanno pensato di realizzare nella loro dimora il b&b Barletta Acasamia, è quello di fare nuove amicizie, ma principalmente di trascorrere momenti allegri, con persone che vivono la loro vacanza e il loro soggiorno a Barletta all’insegna della spensieratezza e tranquillità.

VIENI A BARLETTA A SCOPRIRE LA PUGLIA E I B&B DEI BARLETTANI

By / 7th novembre, 2014 / Cosa Visitare / Off

b&b barletta acasamia castello svevo

Quante volte hai sentito parlare delle orecchiette con le cime di rapa, della burrata, dei taralli, della focaccia, del vino nero di troia e dell’olio extravergine d’ oliva?

Quante volte guardando la monetina da 1 centesimo hai visto stampato il Castel del Monte, “Patrimonio dell’Unesco”?
Ti sei mai chiesto quanti Castelli ha fatto costruire Federico II di Svevia nella splendida Puglia?
Hai mai pensato di visitare la Magica Cattedrale di Trani, valutando la possibilità di regalarti un rilassante massaggio termale con il fango curativo delle meravigliose Terme di Margherita di Savoia?
Ti sei mai chiesto dove si trova la città di Barletta, quanto è grande il suo Castello Svevo e dove sono conservate le opere del famoso pittore De Nittis?
Se stai cercando in Puglia, una città dove trovare storia, cultura, enogastronomia, Teatro Curci, Castello Svevo, Cattedrale, Cantina della Disfida, Pinacoteca del Denittis, la grande Statua del Colosso Eraclio, allora devi venire a Barletta.
Il B&B Acasamia di Barletta ti farà vivere in una dimensione casereccia e amichevole che nessun fitta camere o pensione potrà mai darti. Con gli ospiti che soggiornano nella nostra struttura ricettiva, si stabilisce un clima di cordialità, cortesia, gentilezza e attenzione, grazie al fatto che il bed and breakfast Acasamia di Barletta ha un numero ridotto di Suite e posti letto e viene gestito personalmente dalla Famiglia Damico. Se verrai nel nostro B&B a Barletta, avrai la possibilità di godere di un ambiente che ti farà entrare in contatto con la natura, l’arte, la cultura e le tradizioni locali perché verrai accolto davvero in casa nostra.
Venendo nel BB Barletta Acasamia, avrai la possibilità di ampliare le tue esperienze al di fuori della struttura ricettiva, perché pranzerai e cenerai in locali nuovi e originali, scoprendo ogni giorno, tutti i sapori e gli odori che offre la cucina Pugliese. Avrai tutta la giornata a disposizione per visitare luoghi, conoscere persone, passeggiare per la città e goderti il mare e le spiagge di Barletta. Spesso si pensa che un B&B non è in grado di offrire tutti i servizi che offre un albergo, ma se ci pensi bene, non è un male?
Gli ospiti degli hotel e degli alberghi, difficilmente escono dalla struttura perché sono troppo presi dalla spiaggia privata, dal ristorante interno, dal centro benessere e dai diversi servizi che le strutture alberghiere offrono, e tutto ciò, fa quasi dimenticare dove sono.
Inoltre i B&B Barletta, per quanto piccoli, normalmente sono molto versatili e offrono soluzioni sia per coppie che per gruppi e famiglie numerose; la nostra struttura offre Suite con bagno privato per ogni camera, piscina all’aperto, piscina idromassaggio, parcheggio, giardino, accoglienza dei cani, internet WiFi, così da garantire a te e ai tuoi familiari la privacy che cerchi. Infine il Bed and Breakfast Barletta Acasamia ha un costo decisamente più contenuto di hotel ed alberghi, offrendoti comunque un servizio impeccabile all’altezza delle strutture alberghiere più rinomate.

MONUMENTO DEDICATO AD ETTORE FIERAMOSCA

By / 16th luglio, 2014 / Cosa Visitare / Off

Giunti nella meravigliosa Puglia e precisamente nella città di Barletta, provenendo da Sud, si arriva in Piazza Fratelli Cervi comunemente chiamata dai barlettani Piazza Castello.

In questa piazza, vi è un imponente monumento in bronzo in onore di Ettore Fieramosca, che rappresenta la vittoria di quest’ultimo sul francese La Motte, durante la famosa Disfida di Barletta tenutasi il 13 Febbraio 1503.
Il monumento, che per circa 20 anni è stato ubicato all’interno dei giardini pubblici antistanti il Catello Svevo della città, dal 2001, è collocato in Piazza Fratelli Cervi grazie all’interessamento dei Lions Club della città.
La scelta della nuova ubicazione, ha una precisa motivazione, in quanto, in quella piazza, il 13 Febbraio 1503, i vittoriosi condottieri, furono accolti dai cittadini barlettani e dal Clero con l’immagine della Madonna dell’Assunta, per ringraziare il buon esito della battaglia.
Barletta citta della Disfida e il P&B Acasamia ti danno il benvenuto in questa splendida città ricca di storia, cultura e arte.

MACCHERONI AL SUGO DI PEPERONI

By / 15th luglio, 2014 / Piatti Tipici Pugliesi / Off

Ingredienti

500 gr. Maccheroni freschi e caserecci
20 Peperoni friggitelli pugliesi
500 gr. Pomodori pachino
150 gr. Mollica di pane meglio se di Altamura
1 Cipolla
Basilico
Olio extra vergine d’oliva
Sale

PREPARAZIONE

Per conservare integro il gusto del peperone fritto e quello del pomodoro fresco, è consigliabile preparare separatamente due sughi.
In una padella, fate soffriggere in olio bollente la cipolla tritata finemente assieme ai friggitelli interi, poi aggiungete 250 gr. di pomodori tagliati a metà e il basilico tritato. Aggiungete poca acqua e fate cuocere per 30 minuti. In un’altra padella, fate soffriggere in olio bollente, la cipolla, la restante parte di pomodori precedentemente tagliati a metà, un po’ di basilico e lasciate cuocere per 15-20 minuti. A cottura ultimata, fate riposare per circa 15 minuti i due sughi.
Prendete i friggitelli, liberateli dai semi e tagliateli a listarelle e riponeteli nel sugo unendovi anche il sugo di pomodoro. Poi, in una padella con l’olio, lasciate dorare la mollica di pane precedentemente sbriciolatela.
Fate cuocere al dente i maccheroni, in abbondante acqua salata, scolateli ben bene e uniteli ai due sughi. Mantecate per qualche minuto, impiattate aggiungendo la mollica di pane dorata.
Questo è un piatto semplice e tradizionale dal gusto straordinario preparato con prodotti genuini pugliesi.
Buon appetito dal P&B Acasamia   l’ elite del B&BBarletta.

COZZE ARRAGANATE

By / 11th luglio, 2014 / Piatti Tipici Pugliesi / Off

Ingredienti

1 kg di cozze nere
1 limone
5-6 rametti di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
150 gr mollica di pane o pangrattato
4 cucchiai d’olio extravergine di oliva
pepe
½ bicchiere di vino bianco

Preparazione:
Lavate le cozze, pulitele con cura facendo attenzione ad eliminate eventuali incrostazioni presenti sul guscio e lavatele accuratamente sotto l’acqua corrente. Staccate il bisso aiutandovi con la lama di un coltello. Disponete le cozze in una pentola capiente con il vino bianco e ponetela sul fuoco a fiamma vivace. Mescolate ogni tanto e basterà attendere dai 5 ai 7 minuti l’apertura delle cozze. Una volta aperte, staccate ed eliminate la parte della conchiglia senza mollusco e tenete da parte quelle piene che spruzzerete con il succo di ½ limone.
Preparate il ripieno disponendo in una ciotola la mollica di pane / pan grattato, l’olio, il prezzemolo e l’aglio precedentemente tritati. Mescolate bene il tutto fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Se l’impasto dovesse risultare troppo morbido, aggiungete un po’ di pan grattato, se dovesse risultare troppo compatto aggiungete un po’ acqua di cottura.
Filtrate il liquido di cottura con un colino a maglia stretta e tenetelo da parte.
Distribuite il composto su ogni cozza e man mano, allineatele in un’ampia pirofila. Prima di infornare, cospargetele con olio, una grattugiata di pepe e alla base della pirofila un po’ di acqua di cottura precedentemente filtrata. Infornate il tutto per circa 10 minuti sotto il grill del forno finché l’impasto non sarà dorato. Servite calde.
Questo è un antipasto di mare tra i più rappresentativi della cucina pugliese che il P&B Acasamia Bed and Breakfast di Barletta vi invita a degustare in qualunque città della Puglia. I suoi principali ingredienti esaltano pienamente i prodotti mediterranei l’ulivo (olio), grano (pane), vite (vino), a cui va ad aggiungersi quella miniera di tesori del gusto che è il mare pugliese.

LE ORECCHIETTE

By / 28th giugno, 2014 / Piatti Tipici Pugliesi / Off

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

400 gr. Farina di grano duro
acqua tiepida q. b.
sale

Disponete la farina a fontana su una spianatoia, aggiungetevi poco per volta l’acqua tiepida e un po’ di sale. Lavorate l’impasto per circa dieci minuti, fino ad ottenere una pasta soda e liscia.
Coprite il panetto ottenuto con un canovaccio umido e lasciate riposare per mezz’ora.
Dopo averla lasciata riposare, prendete una piccola quantità di pasta, fatela rotolare sotto il palmo della mano, fino ad ottenere un bastoncino (tipo grissino). Tagliatelo in piccoli pezzetti di circa 1 cm., poi usando la punta arrotondata di un coltello, fate una leggera pressione sul pezzetto e trascinatelo verso di voi, con il coltello stesso, fino a farlo arrotolare sulla punta della lama.
A questo punto, prendete il pezzettino, rovesciatelo al contrario facendo una leggera pressione con il dito pollice e così facendo avrete ottenuto le orecchiette.
E’ proprio dal gesto di trascinare che deriva il nome “strascinat”.
Disponetele le orecchiette su una spianatoia infarinata con la parte bombata rivolta verso l’alto e lasciate che si asciughino per qualche ora prima di cuocerle.

Consigli per la preparazione dell’impasto:
Versare l’acqua un poco per volta e aggiungerne dell’altra solo se l’impasto risulta non omogeneo e tende a sfaldarsi facilmente. Se invece nella preparazione dell’impasto avete esagerato con la quantità d’acqua, basta semplicemente aggiungere altra farina.
CURIOSITA’
Le orecchiette, patrimonio nazionale della gastronomia è uno dei piatti tipici della Puglia, molto diffuso a Bari e nelle città limitrofe, infatti il P&B Acasamia B&B Barletta, vi consiglia di passeggiare per i borghi antichi della città, per vedere donne anziane impegnate nella lavorazione e produzione delle orecchiette fatte a mano.
Molto gustose e prelibate, le orecchiette possono essere preparate in diversi modi, il più conosciuto è quello con le cime di rapa, ma altrettanto squisite sono con i broccoli o meglio ancora con il sugo di pomodoro. La loro unicità e particolarità, è quella di avere la superficie rugosa che permette di trattenere i condimenti lasciando uno squisito gusto al palato.

CAVATELLI COZZE E FAGIOLI

By / 18th giugno, 2014 / Piatti Tipici Pugliesi / Off

INGREDIENTI

400 gr. Cavatelli
300 gr. Fagioli Cannellini lessati
250 gr. Pomodori pelati
20 Cozze nere
½ Cipolla
1 Spicchio d’aglio
Basilico
Olio extra vergine d’oliva
Vino Bianco
Sale
Pepe
Prezzemolo tritato

PREPARAZIONE

In una padella, fate soffriggere in olio bollente la cipolla tritata finemente assieme ai pomodori al basilico e ai fagioli. Deponetele in un’altra padella con olio caldo e aglio, le cozze ben lavate e pulite che lascerete sfumare con il vino bianco. Aggiungete il pepe, coprite con il coperchio e lasciate cuocere per qualche minuto. A cottura ultimata, separate le cozze dal guscio e filtrate il brodo di cottura delle cozze che utilizzerete successivamente.
Fate cuocere i cavatelli, scolateli ben bene e uniteli al primo preparato con i fagioli, poi aggiungete le cozze e il loro liquido di cottura. Saltate il tutto a fiamma alta, mantecate e impiattate aggiungendo del prezzemolo tritato e un filo d’olio extra vergine d’oliva.

Gustoso e deliziosissimo piatto che il P&B Acasamia Bed and Breakfast Barletta vi invita a preparare.
Buon appetito!!!